Harambee di Matteo Richetti Matteo Richetti a Modena: “ Nemo propheta in patria “?

In luglio, salutando i miei lettori, avevo espresso l’intenzione di riprendere il discorso sui crimini di guerra italiani. In realtà, riprendo prima di quanto avevo pensato e con un argomento del tutto diverso.

Che cosa mi ha fatto cambiare idea ? Un episodio accaduto a Modena:

Il 16 luglio Matteo Richetti, nato nel 1974 a Sassuolo, deputato Pd dal marzo 2013, avrebbe dovuto parlare alla festa del partito democratico di …
Continua a leggere

Italiani e crimini di guerra

A guerra conclusa, 8 paesi chiesero al nostro governo la consegna di quasi 2000 soldati, accusati di crimini di guerra: 750 la Jugoslavia, 180 la Grecia, 142 l’Albania, 30 la Francia, 12 l’URSS.

Altri 800 nostri militari furono ricercati da Usa e Gran Bretagna, mentre l’Etiopia chiese la consegna del maresciallo Badoglio e del viceré Graziani. (“Niente Norimberga, siamo italiani” di A. Papuzzi, La Stampa del 16-02-2011).

L’Italia però riuscì a garantire l’impunità dei suoi criminali di guerra
Continua a leggere

Crimini di guerra italiani in Etiopia Crimini di guerra italiani – Etiopia 1937: 2000 cristiani uccisi

Mi spiace dover richiamare una frase di Goebbels, ma è innegabile che, quando scoppia una guerra, un numero imprecisato di bugie sommerga le nazioni: “Bugie prefabbricate o bugie involontarie che dilagano attraverso i mass media e che spesso entrano nella Storia.” ( A. Petacco, “Storia bugiarda”, Laterza, 1989, pag 3)

Questa considerazione include anche l’Italia ed il nostro esercito, anche se il mito degli italiani “brava gente” persiste …
Continua a leggere

Salvatore Striano “Napoli milionaria”: una catena negativa si spezza

Estradato in Italia dalla Spagna, dove era in carcere per un giro di narcotraffico, Striano viene internato a Rebibbia, nel reparto di massima sicurezza. Qui deve guardarsi dai camorristi che ha sempre combattuto, sia pure con gli stessi metodi.

Dopo la notizia della morte della madre, trascorre due settimane di rabbia e di odio nei riguardi di tutti, finché Cosimo, l’ergastolano che organizza corsi per i compagni, gli propone di entrare nel laboratorio
Continua a leggere

Salvatore Striano Grazie Shakespeare


In netto contrasto con i suggerimenti delle pagine dei giornali, che privilegiano la letteratura anglosassone, il libro che mi è piaciuto di più, in questi ultimi mesi, è stato “La tempesta di Sasà” di Salvatore Striano – Chiarelettere, 2016 –

Sullo sfondo del carcere di Rebibbia, in cui è stato detenuto dal 2001 al 2006, l’autore-protagonista racconta in modo avvincente come sia riuscito ad evitare un destino negativo, che per lui sembrava già segnato, grazie alla letteratura ed al
Continua a leggere

smantellamento del pool antimafia Estate 1985 . L’uccisione di Montana e Cassarà

Nel corso del’estate 1985 Antonino Caponnetto e il suo pool persero due loro fidati collaboratori: Giuseppe Montana, commissario della squadra mobile di Palermo, ucciso dalla mafia il 28 luglio 1985, a 34 anni, e Antonio Cassarà, il carismatico capo della “ Mobile “ di Palermo, anch’egli ucciso da “Cosa nostra” 10 giorni dopo Montana.

Insieme a lui morì anche Roberto Antiochia, il giovane agente di polizia che aveva voluto …
Continua a leggere

Caponnetto, Buscetta e i pentiti

Si visse una grande stagione a Palermo, dal 10 novembre 1983 all’estate 1985: per il pool fu un anno e mezzo di duro lavoro, anche 18 ore al giorno, e di successi .

Di sera Caponnetto si portava il lavoro in caserma, dove trascorse il suo primo Natale e il primo Capodanno palermitani, lontano dalla famiglia.

Inoltre, dato che aveva sottratto quattro persone al lavoro d’ufficio per assegnare loro processi di mafia, il Consigliere attribuì a se stesso molte inchieste …
Continua a leggere

Caponnetto e il pool antimafia

Antonino Caponnetto “I miei giorni a Palermo – Storie di mafia e di giustizia raccontate a Saverio Lodato”, Garzanti, 1992

“Io ho un ricordo : quando Falcone, quando Borsellino, o Di Lello, o Guarnotta, dicevano, magari di fronte all’incalzare delle domande dei giornalisti: ‘Il Consigliere ha deciso… Il Consigliere ha detto…’ non aggiungevano mai il nome, Caponnetto. Come se fossero sull’attenti di fronte a un generale per il quale provavano assoluto rispetto proprio perché nutrivano una fiducia illimitata. Chi ha …
Continua a leggere

Solo bagaglio a mano

In Corea del Sud, il giornalista di “Repubblica” Gabriele Romagnoli si è sottoposto ad un esperimento: è stato al proprio funerale e, nel corso di una intera giornata trascorsa nel buio e nell’isolamento, ha imparato qualcosa che gli ha permesso di vivere meglio quando, 24 ore dopo, è tornato al mondo. Il libro “Solo bagaglio a mano” racconta questa esperienza.

L’Antefatto

Nella Corea del Sud, che detiene il record mondiale dei suicidi ( 33 al giorno), alcune grandi società (Samsung …
Continua a leggere

Il giorno del ricordo: le foibe Le Foibe – premessa

Nel 1941 il Regno di Jugoslavia era stato occupato e smembrato dagli eserciti italiano e tedesco : la parte settentrionale della Slovenia fu annessa al Reich, mentre Lubiana e la zona centrale della Dalmazia divennero italiane. Si formò anche lo Stato indipendente di Croazia, guidato dagli ustascia, nazionalisti croati.

L’opposizione era costituita dai cetnici, nazionalisti serbi fedeli alla monarchia, e dal movimento comunista guidato da Josif Broz, detto Tito, che dopo l’8 settembre 1943 assunse il …
Continua a leggere